AIA BOLOGNA: 38 nuovi fischietti

Non sarà un giorno che dimenticheranno facilmente i 38 nuovi direttori di gara che giovedì 14 dicembre hanno sostenuto e superato brillantemente l’esame a conclusione del corso arbitri. Il grande giorno è arrivato al termine di due mesi durante i quali i ragazzi hanno avuto modo di avvicinarsi al mondo arbitrale, sia imparando a conoscere l’aspetto associativo, che quello tecnico e anche quello atletico. I candidati, visibilmente emozionati, hanno iniziato ad affollare la Sezione già dal tardo pomeriggio, così da poter sbrigare le ultime pratiche burocratiche, ritirare la tanto ambita divisa ed effettuare le foto di rito con tutta calma. La commissione d’esame, formata dal componente CRA Johannes Donati di Ravenna, dal componente del Settore Tecnico Michele Gallo, dal Presidente Antonio Aureliano e dal responsabile degli OA di Bologna Luigi Ferrieri, ha sottoposto inizialmente i classici quiz regolamentari agli aspiranti arbitri e successivamente ha proceduto con le prove orali. Il corso è stato tenuto da due “insegnanti d’eccezione”: Alessandro Prontera, consigliere della Sezione ormai da diversi anni e arbitro in Lega Pro e Raffaele Covili, anch’esso consigliere e con un passato alla CAI come arbitro. Potendo contare su questa esperienza il corso è risultato piacevole e assai proficuo, riuscendo ad avvicinare alla sezione i giovani ragazzi trasportati dall’entusiasmo dei due consiglieri che hanno saputo impostare al meglio le lezioni trovando il giusto mix tra teoria e qualche aneddoto che hanno vissuto durante il loro percorso. Il Presidente Antonio Aureliano si è detto soddisfatto del corso “Sono ragazzi giovani con tanta passione. Nel loro percorso dovranno imparare ad essere ancor prima uomini che arbitri: sarà importante e decisivo il fattore mentale per permettere a loro di compiere la scalata”. Gli aspetti che più fanno ben sperare sono l’ottima preparazione teorica, come sottolineato dalla commissione d’esame e l’età media molto bassa, infatti la maggior parte dei neo direttori di gara ha un’età compresa tra i 15 ed i 20 anni. Al termine di quiz e prove orali la commissione e i neo immessi hanno avuto modo di cenare tutti insieme, così da iniziare a conoscere quello che è l’aspetto più importanti dell’arbitraggio: quello umano. In conclusione il Presidente Aureliano ha voluto dare il benvenuto nella grande famiglia AIA Bologna ai nuovi Arbitri, ricordando loro il primo obiettivo che dovranno raggiungere… il divertimento!