AIA MODENA: Raduno Precampionato

Spirito di gruppo, impegno, voglia di stare assieme: la stagione dell’Organo Tecnico Sezionale della sezione di Modena è partita col raduno precampionato della durata di tre giorni svoltosi in altura in quel di Fanano, sull’Appennino modenese. Uno stage di inizio annata sportiva sapientemente organizzato dal presidente Pierpaolo Perrone, grazie alla collaborazione e disponibilità dell’amministrazione comunale di Fanano che ha messo a disposizione gli spazi necessari all’attività tecnica.

Nonostante il maltempo che ha contraddistinto il weekend e che ha provocato lo slittamento dei test atletici alla settimana successiva, è stato comunque denso il programma delle attività svoltesi, sia tecniche sia ricreative, con l’intento di cementare ancor di più lo spirito associativo.

Il programma delle attività è partito nel pomeriggio inoltrato del primo giorno con arrivo e la sistemazione logistica dei convocati nella struttura alberghiera ospitante, e la prima riunione in aula presso il Centro Culturale Italo Bortolotti, per le iniziali disposizioni del presidente e degli Organi Tecnici, prima di una serata libera utile a implementare lo spirito di gruppo.

L’indomani l’aspetto associativo del raduno ha vissuto il suo culmine, con l’escursione in gruppo fino alle Cascate del Doccione situate nei dintorni del monte Cimone e la passeggiata nei sentieri fino al Rifugio Taburri: uno scenario naturalistico incantevole con vista sul paesaggio circostante ha ripagato la lunghezza del percorso fatto e il tempo impiegato dai partecipanti, in un ideale rappresentazione figurata dello spirito di sacrificio e della motivazione che l’impegno arbitrale contempla se si vogliono raggiungere determinati obiettivi.

Dopo il pranzo consumato in quota, nel pomeriggio hanno raggiunto Fanano gli arbitri modenesi regionali e nazionali e gli osservatori di ogni categoria per la prima, lunga, riunione tecnica obbligatoria in aula organizzata contestualmente al raduno: in questa occasione, sono intervenuti nominalmente come ospiti il componente del Comitato Regionale Arbitri dell’Emilia Romagna Mauro Bernardoni e il componente del Settore Tecnico dell’AIA Massimo Melloni, entrambi facenti parte della sezione modenese. Mentre Bernardoni, portando i saluti del presidente CRA Sergio Zuccolini, ha posto l’accento sulle qualità richieste ai ragazzi per il transito nell’organo tecnico regionale, Melloni ha esplicato con chiarezza e semplicità e col fondamentale supporto video le corpose novità regolamentari contenute nella Circolare n°1 diramata dal Settore Tecnico. Infine, il presidente Perrone, dopo aver presentato il Consiglio Direttivo Sezionale, ha dettagliato le disposizioni comportamentali e organizzative della nuova stagione, ponendo particolare accento sulla precisione nella compilazione dei referti di gara, sull’utilizzo dei social network e sul significato di essere arbitri anche al di fuori del campo di giuoco. L’ultimo giorno dell’esperienza appenninica è stato contraddistinto dai quiz regolamentari, sostenuti dai convocati e le cui risultanze hanno soddisfatto il presidente Perrone.

Presenza, vicinanza, scambio di esperienze e di idee: questi tre concetti sono stati evidenti e palesi a Fanano, con gli associati nazionali e regionali pronti a condividere i loro consigli e rendere partecipi i colleghi sezionali delle proprie esperienze.