AIA PIACENZA: La festa di arbitri ed istituzioni
Venire qui è come sentirsi a casa

Nella consueta location da ormai vent’anni del Ristorante Olimpia di Niviano, il Presidente Mimmo Gresia e il suo Consiglio Direttivo hanno organizzato la tradizionale festa di fine stagione per gli arbitri piacentini.

Una serata che ha saputo unire nello stesso tavolo la classe arbitrale italiana rappresentata da Michele Conti del Comitato Nazionale, il premiato Luca Banti e Fabio Casadei del CRA Emilia Romagna, con le principali istituzioni politiche e sportive del territorio. In particolare, il Primo Cittadino di Piacenza, Patrizia Barbieri, ha onorato la cena con la sua presenza accompagnata dal Vice Sindaco Elena Baio. Insieme a loro Robert Gionelli delegato CONI, Luigi Pelò Delegato FIGC provinciale e Alberto Zucchi consigliere regionale del CRER.  L’esclusiva partecipazione del Sindaco con il suo Vice ha senza dubbio conferito alla festa un riconoscimento istituzionale di gran pregio per la Sezione piacentina.

Accanto al Presidente Gresia, a fare gli onori di casa è stato Gianpiero Gregori che ha condotto la serata e presentato gli altri invitati di prim’ordine che vi hanno preso parte: Renato Faverani, Alberto Boschi, Erio Iori, Riccardo Arnò, Giorgio Schenone, Enrico Zanichelli, Graziella Pirriatore e i Presidenti delle Sezioni emiliane. Presenti anche alcuni componenti del Settore Tecnico: Babarelli, Gallo e Galloni.

Nell’occasione sono stati consegnati i riconoscimenti sezionali per la stagione 2017-2018 che ha visto premiati Tobia Volpato quale miglior esordiente; Salvatore Vallone, Jacopo Sartori e Claudio Spadoni quali migliori arbitri rispettivamente in settore giovanile, provinciale e regionale; Alberto Amoroso come assistente regionale; miglior osservatore Paolo Marchionni; miglior arbitro Calcio a 5 Antonio Zinzi. Premio all’impegno per Michele Bonetti; Premio del Presidente a Stefano Rondino. Nell’arco della cena, diversi ospiti hanno rivolto parole di stima e affetto per la Sezione e spunti di crescita. Da menzionare, tra questi, il consiglio di Faverani per arrivare ad alti livelli: impegno misto a volontà e ricerca del confronto unita a tanta umiltà.

Davanti alle numerose presenze in sala il saluto del Sindaco e del suo Vice: le due rappresentanti delle istituzioni piacentine si sono dimostrate solidali con noi direttori di gara ed hanno elogiato il nostro ruolo. “Chi fa l’arbitro ha uno stile, ve lo riconosco tutto. Parlando con alcuni degli ospiti qui presenti ho compreso la passione che vi sta dietro. Unite diverse generazioni e fate crescere i giovani… Siete motivo di orgoglio!” Anche il Sindaco Barbieri ha avvertito quella voglia di stare insieme e di divertirsi presente in sala ed ha aggiunto “ho percepito anche la vostra fierezza e correttezza dopo una chiacchierata con il vostro premiato Luca Banti”.

E’ stato poi quest’ultimo a intervenire esordendo con un “Mi avete emozionato” in seguito al Premio Speciale assegnatogli dal Presidente Gresia. Rivolgendosi ai tanti giovani arbitri della Sezione, Luca li ha esortati a vivere la vita sezionale perché questa è la base per erigere una struttura forte ed arrivare fino alla vetta del grattacielo. “Il mio è stato un viaggio iniziato 14 anni fa all’interno della squadra di CAN A – continua – con momenti positivi e anche negativi e proprio questi sono necessari per crescere e fortificarsi. Seppur la nostra attività può essere considerata individuale, si può migliorare solo all’interno del gruppo arbitrale ricercando occasioni di confronto e dando il contributo con le proprie esperienze”.

La serata ha visto, inoltre, l’assegnazione di due riconoscimenti in memoria di associati illustri: il Premio “Beppe Marenghi” a Faruk Jose Baizer Fuentes e a Laura Cordani il Premio “Pino Cassi”, storico segretario della Sezione venuto a mancare la scorsa stagione. Non si possono non condividere le parole di Michele Conti che sottolinea come “sia esemplare vedere Premi in memoria di associati storici e come i loro familiari continuino a partecipare e a seguire le attività conviviali dell’Associazione”.

E sui momenti di convivialità e condivisione è difficile batterci. “Mi emoziona sentir dire che quando si viene a Piacenza è come sentirsi a casa – afferma Mimmo Gresia, orgoglioso per il gran numero di associati presenti alla Festa – qui a Piacenza siamo tutti amici, siamo un gruppo che lavora unito e stiamo bene insieme. Con le istituzioni abbiamo l’obiettivo comune di far crescere lo sport …che fa crescere!”. E il prossimo appuntamento per Piacenza sarà la tre giorni del primo Torneo Cra che si svolgerà a Ravenna con la partecipazione alle varie sfide sportive tra le sezioni emiliano-romagnole.

Un ringraziamento va a tutti gli associati piacentini e a tutti gli invitati che partecipano sempre con una buona dose di vitalità e allegria. E riprendendo le parole di Luca Banti “Più forte è la vostra immaginazione e più alta è la probabilità di raggiungere il vostro sogno” non ci resta che fantasticare in quest’estate ormai alle porte, per essere più motivati e performanti nella prossima stagione.