CRA EMILIA ROMAGNA: 7a Cena dei Nazionali

Per il settimo anno consecutivo il Comitato Regionale Arbitri dell’Emilia-Romagna ha organizzato la “Cena dei Nazionali”, che ha visto convogliare ad Imola, nella serata di martedì 3 dicembre scorso, arbitri, assistenti, osservatori, e componenti appartenenti agli organici nazionali oltre a Talent e Mentor, le donne arbitro del CRA e i ragazzi di Eccellenza, che con la loro presenza hanno potuto intravedere e assaporare un potenziale passaggio di categoria.

A fare gli onori di casa il Presidente del CRA Emilia-Romagna Sergio Zuccolini, ideatore della manifestazione, che oltre ai saluti di tutto il suo staff ha voluto ringraziare i presenti per la numerosa partecipazione e fare l’“in bocca al lupo” a chi proprio quella sera stava scendendo in campo a dirigere le gare infrasettimanali.

Tra una pietanza e l’altra, si sono susseguiti i saluti di Michele Conti, del Comitato Nazionale e corregionale della Sezione di Ravenna: “Complimenti al mio CRA per l’organizzazione. È sempre bello vedere tutti gli arbitri che rappresentano questa regione in giro per l’Italia e tanti giovani che la rappresenteranno. Voglio augurare a tutti voi a alle vostre famiglie un Sereno Natale e un buon proseguimento di stagione”.

Alla serata era presente un altro Componente del Comitato Nazionale, Maurizio Gialluisi, che nel pomeriggio aveva preso parte alla consulta regionale insieme ai quattordici presidenti di sezione per fare il punto sulla prima parte della Stagione Sportiva.

Gialluisi ha voluto rivolgere ai presenti i propri i complimenti per il bel colpo d’occhio. “Vedervi qui è bel segnale – ha detto Gianluisi – perché l’Emilia-Romagna dà un grande contributo a tutta l’Associazione, con tanti arbitri e tanti dirigenti. L’iniziativa è significativa perché l’arbitro ha il compito di essere preparato in campo, ma la differenza la fa la capacità di costruire relazioni. Questi incontri rappresentano una grande opportunità per gli arbitri regionali, per i Talent, per le ragazze per entrare in contatto con la realtà nazionale”.