CRA EMILIA ROMAGNA: Raduno Futsal

Domenica 24 Novembre l’Organico di Arbitri e Osservatori del Calcio a 5 del Comitato Regionale Arbitri Emilia Romagna si è riunito a Bologna per il secondo raduno stagionale. Giornata iniziata di buon mattino per i direttori di gara con i test atletici specifici (4×10 e ARIET test) svolti all’interno della palestra del CUS Bologna, che hanno restituito una generale impressione di una buona preparazione atletica dei ragazzi. Successivamente l’organico si è spostato nei locali della sezione di Bologna per l’apertura del raduno.

In aula, l’apertura se l’è riservata il presidente CRA Sergio Zuccolini, che dicendosi soddisfatto dei risultati ottenuti da un gruppo aumentato numericamente del 50 %, ha tenuto a spronare i ragazzi e le ragazze a dare il massimo ad ogni partita e ricordato due aspetti fondamentali: la preparazione atletica deve essere curata, e si deve curare anche l’immagine di sé fuori dal campo. Ha poi lasciato la parola all’ospite istituzionale presente, il delegato calcio a cinque del Comitato Regionale della Lega Nazionale Dilettanti Alessandro D’Errico: “Sono soddisfatto della collaborazione che c’è tra il mondo arbitrale e il Comitato regionale; c’è un continuo contatto tra noi e i vostri organi tecnici, così come siamo veramente contenti della collaborazione che ci stanno fornendo le stesse società fornendoci il materiale video delle gare per aiutare a crescere l’intero movimento del calcio a 5 in Emilia Romagna”. Al termine della parte istituzionale, l’effettuazione dei quiz tecnici curati dal componente del Settore Tecnico dell’AIA Tito Stampacchia ha chiuso la prima parte del raduno.

Dopo il pranzo, il gruppo di arbitri, a cui si sono uniti gli osservatori, sono stati raggiunti dal componente della Commissione Arbitri Nazionale del Calcio a 5 Andrea Sabatini, il quale portando i saluti del responsabile Angelo Montesardi, ha spronato quelli che la passata stagione erano i suoi ragazzi a credere nell’obiettivo della promozione alla commissione nazionale e ad impegnarsi nell’ottenerlo. I ragazzi e le ragazze sono stati successivamente sottoposti da Filippo Ragalà, componente CRA responsabile del Calcio a 5, e Alessandro Maggiore, collaboratore CRA per la disciplina, ad una intensa sessione tecnica di analisi video estrapolati esclusivamente da gare regionali arbitrate dagli stessi ragazzi presenti. Ne sono stati estrapolati così sia gli aspetti da migliorare, inseriti in un contesto di crescita e specializzazione nella disciplina (soprattutto per i numerosi ragazzi neoimmessi), sia le caratteristiche positive che danno all’arbitro in campo il quid per fare il salto di qualità ed elevare il livello della prestazione, esaltate anche dai ragazzi della C.A.N. 5 presenti: prevenzione, gestualità, personalità, capacità di lettura della gara, presenza fisica durante gli accadimenti, capacità di selezione del fallo. L’analisi video è stata inframezzata da diversi interventi di Ragalà e Maggiore che, ricordando che la selezione viene compiuta anche sugli aspetti comportamentali, hanno spronato il gruppo a dare quel qualcosa in più per raggiungere il proprio obiettivo personale.

La chiusura dell’intensa giornata di raduno è stata dedicata all’aspetto motivazionale, con l’invito da parte di Ragalà e Maggiore anche agli arbitri esperti di mantenere sempre alta la concentrazione e il livello delle prestazioni, in quanto il numero considerevole di nuovi arbitri immessi nell’organico regionale, che ha già dimostrato un buon livello qualitativo dimostrato dall’esordio in Serie C2 della maggior parte dei ragazzi, porta a una maggiore possibilità di scelta per le gare sempre più impegnative dei campionati regionali.