CRA EMILIA ROMAGNA: Visita a LUGO

Si è svolta lunedì 14 gennaio, la Riunione Tecnica Obbligatoria della Sezione di Lugo che ha visto come ospite il Comitato Regionale Arbitri dell’Emilia Romagna.

Presenti all’assemblea Sergio Zuccolini, il presidente del CRA Emilia Romagna ed i suoi collaboratori Luca Bianchini, Enrico Gotti, Giorgio Maldarelli, Andrea Sabatini, Fabio Ghizzoni, Marco Masetti e Michele Gallo che hanno illustrato alla platea le direttive che arbitri, assistenti ed osservatori devono seguire a livello regionale.

Zuccolini nel salutare l’assemblea, oltre a ringraziare per l’impegno svolto dagli arbitri nelle gare dirette per il Comitato, ha invitato gli associati a cogliere queste occasioni, sfruttandole al massimo in quanto fondamentali per migliorarsi sempre di più.

Successivamente Marco Masetti ha proiettato dei video con consigli pronti per l’uso soprattutto per i più giovani operanti in categorie dove non ci sono gli assistenti ufficiali. Sul posizionamento nelle riprese di gioco, allenamento e notifica efficace dei provvedimenti disciplinari.

Focalizzandosi sui quattro aspetti fondamentali dell’arbitraggio che sono tecnica, etica, organizzazione e umanizzazione, quindi alla base di tutto ci sta la conoscenza del regolamento, l’utilizzo di termini consoni, la concentrazione, il rispetto e l’adattamento ai fattori che ogni gara ci si presentano davanti.

Luca Bianchini si è occupato degli assistenti e di decisioni di qualità, elementi di difficoltà della valutazione del fuorigioco, che richiedono concentrazione, allineamento ed anche coraggio.

In seguito Fabio Ghizzoni ha preso parola rivolgendosi principalmente agli osservatori, rimarcando loro quanto sia importante il loro compito di formatori nei confronti dei giovani arbitri. Concretezza, conoscenza del regolamento, coraggio e coerenza, sono le qualità che un buon osservatore deve possedere.

In fine Andrea Sabatini, collaboratore CRA Emilia Romagna del calcio a 5, che si è detto contento di vedere presenti tanti colleghi giovani, ed ha invitato ciascuno di loro a provare il futsal come sfida per sé stessi e soprattutto come palestra arbitrale.

Infine ha specificato i requisiti per ben figurare in ambito regionale, toccando poi gli argomenti della simulazione e della trattenuta.

A chiudere il sipario di nuovo Sergio Zuccolini che ha invitato i giovani fischietti a fare tesoro di quanto ricevuto durante la serata ribadendo di andare in campo facendo le cose semplici: “Non dobbiamo dimenticare di preparare la partita, di come condurla e di adattarci all’ambiente”.