Domenica 8 settembre: tocca al Calcio a Cinque!

La domenica, giornata conclusiva del raduno precampionato del CRA, è stata riservata, come da tradizione, al Calcio a 5.

L’intensa giornata ha avuto inizio con l’effettuazione dei test atletici, sostenuti sulla pista atletica dello stadio di Cattolica, contestualmente ai test di recupero riservati agli Arbitri e Assistenti di calcio a 11 che erano stati impossibilitati a sostenerli nei giorni precedenti. Più che soddisfacente l’esito delle prove atletiche (solo due i ragazzi del Calcio a 5 “rimandati” ai test di recupero del 5 ottobre).

L’intervento in aula del Presidente Zuccolini ha dato il via ufficiale ai lavori, davanti a 67 Arbitri e a 9 Osservatori, con un’alta percentuale di presenti rispetto all’organico complessivo, segnale di grandi vitalità e serietà del gruppo che rappresenta sicuramente motivo di soddisfazione per il Responsabile del Calcio a 5 Regionale Riccardo Arnò e per il suo più stretto collaboratore Tito Stampacchia.

I lavori in aula hanno avuto inizio con l’effettuazione dei test regolamentari predisposti dal Settore Tecnico, rappresentato dal Componente Claudio Valle, della Sezione di Mantova.

E’ stata quindi ancora la volta di Sergio Zuccolini, che ha tenuto a ribadire i principi sanciti dal codice etico e il tema del rispetto, concetti ai quali il Presidente intende informare la propria azione.

Con il successivo intervento del rappresentante del Giudice Sportivo, Biagio Dragone, si è sottolineata l’importanza fondamentale di una refertazione completa e precisa. E con questo si è chiusa la prima parte del raduno.

Nel pomeriggio Claudio Valle ha illustrato le novità introdotte dalla Circolare n.1 e le linee guida del Settore Tecnico.

A seguire, un articolato intervento dell’Avv. Luca Mistrorigo (Referente per l’Emilia-Romagna della Commissione Esperti Legali dell’AIA) ha ripreso l’argomento della refertazione, sviluppandone le tematiche inerenti più in generale ai documenti di gara e illustrando il nuovo strumento di tutela legale gratuita predisposto a favore degli Associati che, malauguratamente, dovessero subire aggressioni o altre forme di violenza. L’Avv. Mistririgo ha suscitato l’interesse dei presenti illustrando una svariata casistica sul tema.

Quindi sono stati predisposti quattro distinti gruppi di lavoro, stabiliti secondo i criteri della cosiddetta “selezionabilità”, della non selezionabilità (e all’interno di questa una ulteriore suddivisione tra “anziani” e primi/secondi anni), e del ruolo (un quarto gruppo era costituto di soli Osservatori, coordinato da Stefano Guicciardi, OA nonché Mentor designato dal Settore Tecnico). Ciascun gruppo ha trattato ed elaborato riflessioni su una specifica tematica: ad esempio, gli Arbitri selezionabili hanno incentrato la discussione sulle caratteristiche di preparazione, rappresentatività e leadership indispensabili per potere ambire ad un ruolo nazionale.

Con l’autentica passione e la professionalità che li contraddistingue, Riccardo e Tito hanno condotto la parte finale dei lavori del raduno, alternandosi nell’approfondimento tecnico e nell’analisi di filmati sugli aspetti chiave della prevenzione e della comunicazione in campo, nonché nell’illustrazione del tipo di errori che sono stati commessi con maggior frequenza nel corso della precedente stagione sportiva, per analizzarne le cause che li hanno determinati e approntarne rimedi e contromisure, con suggerimenti concreti.

A margine del raduno sono stati individuati dalla Commissione i tre Arbitri che parteciperanno al progetto sperimentale Mentor & Talent per il calcio a 5: Marco Alessandrini di Forlì, Michele Baravelli di Ferrara e Fabio Turrini di Faenza, che saranno seguiti dal Mentor Stefano Guicciardi.

Il saluto del Presidente Zuccolini ha infine chiuso i lavori. In bocca al lupo ai ragazzi del Calcio a 5!

E in bocca al lupo a tutto il movimento del CRA dell’Emilia-Romagna! Dopo quattro giorni di test atletici, test regolamentari, riunioni tecniche, disposizioni, filmati, slides, Circolare n.1, ecc…, si sono poste le premesse per una stagione sportiva lunga, intensa e ricca di soddisfazioni. Questo è l’auspicio del neo Presidente Zuccolini e della sua squadra. Questo è lo spirito che dovrà animare tutto il movimento, dal più giovane Arbitro di Prima Categoria al più esperto tra gli Osservatori.

Ora la parola passa al campo.